Molte persone, indipendentemente dal sesso, sono convinte che avere un figlio da giovani sia una limitazione della propria libertà personale. Che un figlio rappresenti la fine della propria vita e l’inizio di un’altra, dove gli obblighi e le responsabilità prendono il sopravvento sui sogni e le passioni.

Come tanti altri luoghi comuni, anche questo non è necessariamente vero: sicuramente avere un figlio comporta una responsabilità enorme, ma considerarlo un peso e un impedimento è una scelta personale. La vita continua anche quando la famiglia si allarga, ma non solo: diventa anche più luminosa e piena di amore.

Si potrebbe pensare che sia difficile diventare madre specialmente per una viaggiatrice, abituata all’indipendenza e alla libertà. Ma anche in questo caso è un’ipotesi sbagliata: si può viaggiare anche con bambini piccoli, come dimostrano le tante storie che abbiamo riportato.

E non si deve per forza mollare tutto e andare dall’altra parte del mondo per dimostrare che è fattibile: si può continuare a vivere nel proprio paese, avere la propria casa e il proprio lavoro, pur mantenendo vivo il fuoco del Wanderlust con un bambino al seguito.

Dei tanti esempi, uno dei più ispirazionali è sicuramente quello di Morgan Brechler, una giovane madre statunitense che due anni fa è diventata molto popolare grazie alle foto postate su Instagram delle sue avventure in giro per gli Stati Uniti insieme alla figlia di tre anni.

All’epoca molti siti riportarono la sua vicenda sostenendo che madre e figlia stessero viaggiando per il mondo a tempo indeterminato. Una di quelle prospettive che la maggior parte delle persone ritiene assolutamente irrealizzabile: oltre a un gran coraggio servono anche tanti soldi per potersi permettere questa avventura.

In realtà la storia di Morgan è ben diversa: vive stabilmente in Arizona insieme al padre della sua bambina, ha una casa e un lavoro.

Le immagini che l’hanno resa popolare non si riferiscono a viaggi in giro per il mondo, ma alle escursioni che riempiono il suo tempo libero. Sfruttando weekend e vacanze, Morgan ha girato quasi tutti gli stati meridionali degli USA con la figlia sulle spalle, educandola fin da piccola a stare all’aria aperta.

In un’intervista dello scorso anno, Morgan ha chiarito di essere semplicemente una mamma di 25 anni innamorata di sua figlia, del padre di sua figlia, dell’avventura e della vita in generale:

“Lavoro per un’azienda che si occupa di design e sto frequentando l’università per una master in agricoltura sostenibile. Come faccio a far combaciare tutto? Non lo so! Semplicemente mi piace stare con la mia famiglia, scalare le montagne, passeggiare in mezzo alla natura, scoprire il mondo con lo zaino in spalla. Amo l’amore”.

La figlia si chiama Hadlie ed è nata quando Morgan e Jared (il padre) avevano poco più di 20 anni. Le immagini che ritraggono madre e figlia insieme mentre viaggiano per gli Stati Uniti hanno fatto il giro del mondo perché rappresentano un modo alternativo e affascinante di far crescere un bambino.

In realtà, Morgan ha solo tre pilastri nell’educazione di sua figlia:

  1. “Vogliamo incoraggiare Hadlie a essere creativa, a pensare in maniera libera e senza vincoli. La incoraggiamo a usare la sua immaginazione il più possibile e ad essere a proprio agio con se stessa”.
  2. “Le stiamo insegnando quanto è importante rispettare la natura. È qualcosa in cui crediamo fortemente. Permettere ad Hadlie di connettere con la natura ed essere consapevole di ciò che la circonda, ha la priorità. Le vogliamo far comprendere l’importanza di prendersi cura del pianeta in cui vive e proteggerlo per fare in modo che tutti possano godere della sua bellezza”.
  3. “L’apertura mentale e la capacità di esprimere al massimo le sue emozioni sono altri insegnamenti a cui teniamo molto. Non vogliamo che si senta mai costretta a reprimere le sue emozioni o che le debba affrontare da sola”.

Oltre a questi tre pilastri, i due genitori stanno educando Hadlie attraverso il viaggio. Un viaggio non convenzionale, visto che sia Morgan che Jared (il compagno) sono grandi appassionati di arrampicata e hiking, passioni che le hanno trasmesso fin da quando era piccola.

Nonostante abbia solo cinque anni, Hadlie sa già come arrampicarsi su una parete ed è perfettamente a suo agio quando si trova circondata dalla natura selvaggia. Alcune immagini che la ritraggono mentre prova a scalare una roccia hanno suscitato qualche critica sul web, a cui Morgan risponde in questo modo:

È triste che ci siano genitori che pensano solo ed esclusivamente ai pericoli per i propri figli. Noi siamo sempre con lei e le garantiamo tutta la sicurezza necessaria. Troppi genitori sono paralizzati dalla paura e non permettono ai propri figli nemmeno di camminare su un sentiero in mezzo ai boschi. Così facendo, non fanno che rovinargli la vita rinforzando tutte le loro paure“.

Morgan e Jared continueranno a crescere la figlia viaggiando: non hanno intenzione di mollare tutto e partire per il giro del mondo, ma sfrutteranno ogni momento libero per far vedere ad Hadlie quanto è meraviglioso il nostro pianeta. Solo così potrà avere una mente aperta e una grande sensibilità, due caratteristiche tipiche di chi sceglie una una vita a stretto contatto con la natura.

Hadlie ama davvero tanto stare all’aria aperta. È importante che stia a contatto con la natura, ci perdiamo continuamente dietro alla tecnologia. La mia speranza e il mio sogno è che non dubiti mai di se stessa. Voglio che cresca convinta che l’amore è ciò che ci guida. Voglio che segua tutte le sue passioni, indipendentemente da quali siano. Non penso che ci sia un modo migliore per imparare ad apprezzare la vita. In questo modo stiamo anche creando dei ricordi che non dimenticheremo mai“.

Fonte