ParadiseFruit.it

Un’intera città dove è vietato l’uso e il consumo di carne perché la religione non permette il massacro di animali. Palitana, nello stato di Gujarat, in India è una cittadina dove il vegetarianesimo è stato imposto.

Dal lontano 2014 a Palitana, gli animali non vengono più macellati e sia la vendita che il consumo di carne e pesce, viene considerato illegale. Una decisione alla quale si è arrivati dopo che oltre 200 monaci avevano iniziato uno sciopero della fame, con la promessa di non fermarsi finché non si sarebbe optato per la fine del massacro degli animali.

La protesta dei monaci affonda le sue radici nel giainismo, una delle più antiche religioni del mondo, secondo cui nessun essere vivente deve essere maltrattato a tal punto che i Jain non solo non si cibano di animali, ma neanche di tutte quelle piante come cipolle, patate, carote, rape e bulbi, in cui viene estirpata interamente.

Vietato anche il miele e tutti quei frutti dove non è possibile separare dalla polpa i semi come il melograno e i kiwi, perché così facendo non si permette di compiere il ciclo di vita. Una visione estrema che è abbracciata da circa 5milioni di persone, il numero di fedeli che crede nello giainismo. Uno dei siti più sacri è proprio la Palitana, dove la carne è contro l’insegnamento della religione.

palitana vegetariani1

Il 14 agosto del 2014, il governo del Gujarat ha quindi dichiarato la città una “zona senza carne”, istituendo il divieto assoluto sulla vendita di carne e uova e una legge contro il massacro di animali.

palitana vegetariani

Una decisione che tutt’oggi non mette d’accordo proprio tutti. Mentre i Jain esultano, per i musulmani e pescatori, la situazione è diversa. I primi rappresentano il 25% della popolazione che lamentano il fatto di essere stati obbligati a diventare vegetariani e si sentono violati dei loro diritti; i secondi hanno dovuto chiudere le loro attività e rimproverano il governo locale di aver creato una norma ad hoc che li ha penalizzati.

Fonte

L’uomo è ciò che mangia e in base a ciò che mangia pensa, e di conseguenza si comporta. Ciò che entra nel nostro organismo attraverso l’alimentazione, l’acqua, l’aria, il pensiero degli altri, i suoni ecc. costruisce il nostro organismo. Se ciò che forma il nostro corpo è povero di nutrienti, contaminato o impuro anche la mente, la coscienza e lo spirito ne subiranno gli effetti. C’è una profonda correlazione tra ciò che mangia l’individuo la sua salute, il suo pensiero, il suo carattere, la sua condotta, la sua sfera energetica, morale e spirituale, il suo relazionarsi con l’ambiente. Continua a leggere..


E’ il risultato di uno studio condotto in California.

(ANSA) – ROMA – Una cattiva salute mentale è legata a una cattiva qualità dell’alimentazione. Ciò vale a prescindere dalle caratteristiche personali come età, istruzione, età, reddito. E’ questo il risultato di uno studio condotto dalla Loma Linda University e pubblicato sull’International Journal of Food Sciences and Nutrition.

Secondo la ricerca, che è stata svolta in California, coloro che consumavano più junk food avevano anche maggiori probabilità di riportare sintomi di stress psicologico moderato o grave rispetto ai loro coetanei che invece seguivano una dieta più sana. E’ stato riscontrato che l’aumento del consumo di zucchero è associato al disturbo bipolare e il consumo di cibi fritti o contenenti elevate quantità di zucchero e cereali trasformati è collegato alla depressione.

“E’ forse giunto il momento di dare uno sguardo più da vicino al ruolo della dieta nella salute mentale – spiega Jim E. Banta, autore principale dello studio – perché può essere che le scelte di una dieta sana contribuiscano alla salute mentale. Sono necessarie ulteriori ricerche prima di poter rispondere in modo definitivo, ma le prove sembrano puntare in questa direzione”.

La ricerca ha esaminato i dati di una serie di sondaggi condotti in California tra il 2005 e il 2015 su più di 240mila persone. Lo studio ha rilevato che quasi il 17% degli adulti californiani rischiano di soffrire di malattie mentali: il 13,2% con moderato stress psicologico e il 3,7% con grave disagio psicologico. (ANSA).

Fonte


Lewis Hamilton è uno degli atleti più famosi nel mondo moderno dello sport. La nuova stagione di Formula 1 è alle porte e si è presentato ai microfoni di  tutto il mondo visibilmente in forma e anche cresciuto molto dal punto di vista muscolare. Ha svolto un allenamento specifico, anche grazie alle nuove norme tecniche che gli permettono di poter pesare di più rispetto al passato.

Il corridore britannico è un cinque volte campione mondiale di Formula 1 ed ha conquistato il suo ultimo titolo terminando la stagione 2018 in vetta conquistando la bandiera a scacchi al Gran Premio di Abu Dhabi a novembre.

Lewis è in continua evoluzione come atleta e pilota di F1, e ha anche cambiato la sua dieta nel 2017 all’età di 33 anni per seguire rigorosamente una dieta a base vegetale. Che tipo di cibo mangia il re vegan della pista?

La dieta giornaliera di Lewis Hamilton

La colazione preferita

Come molte persone, Hamilton fa colazione. Ma Hamilton segue rigorosamente una dieta a base vegetale, il che significa che non può mangiare cibi per la colazione come i pasticcini che potrebbero essere fatti con burro da latte.

Hamilton ha detto che mangia regolarmente il porridge per colazione. Il Porridge, è una voce di menu comune per molti piloti di Formula 1, ma ogni tanto Hamilton si concede qualcosa di più sostanzioso, come i fagioli sul pane tostato.

Il pancake è il piatto preferito di Hamilton a colazione

Prima di diventare vegano, Hamilton ha anche apprezzato le uova con avocado su pane tostato, un pasto che potrebbe ancora gustare senza l’uovo poiché l’avocado è ricco di grassi sani.

Secondo il Dr. Rob Child, un biochimico della performance che ha lavorato in Formula 1 con la McLaren e la Ferrari, gli atleti vegani potrebbero avere livelli ridotti di testosterone a meno che non pianifichino attentamente le loro diete. “Infatti Lewis, probabilmente, sta assumendo un sacco di grasso sano per essere in grado di produrre testosterone“, ha detto.

I prodotti e surrogati vegetali

Andando ai prodotti vegetali, a volte a Hamilton mancano certi cibi che era solito mangiare. “Non è per tutti”, ha detto recentemente. “Mi manca la Nutella, mi mancano i dolci ma ora so cosa c’è in quella roba, ed è disgustoso.”

Una cosa che Hamilton non si nega è un pancake. “Adoro i pancake vegani“, disse una volta. Ha anche detto che sarebbe andato per le sue vacanze estive o invernali e molto spesso ha una “pila di pancake” quando è arrivato al mattino. “Adoro i pancake“, ha detto. Beh, non è così per tutti?

Hamilton ama anche gli hamburger e, anche se ha trovato difficile trovare una versione gustosa del suo cheat food quando è passato dalla carne, pesce e latticini a una dieta puramente vegana , alla fine ci è riuscito. Parlando del suo tour mondiale durante la stagione di F1, ha dichiarato: “Ho trovato un hamburger vegano a Hong Kong e mi hanno mandato degli hamburger in Giappone, dove li ho mangiati tutti i giorni“.

Il pranzo vegano di Lewis Hamilton

Durante un’intervista del 2017 con Men’s Health, Hamilton ha parlato di un pranzo a base di petto di pollo, salsa di pomodoro, verdure e un bicchiere d’acqua. Ma un anno dopo, la nutrizionista Tara Ostrowe ha detto alla CNN che il pranzo per il pilota vegano ora consisterebbe in cose come i panini con falafel, un peperoncino vegano o una scodella di quinoa.

Le cene vegane di Lewis

Tara Ostrowe suggerisce che la pasta integrale, il tempeh e la patata dolce al forno siano tutte ottime cene nutrienti per Hamilton, poiché la pasta può essere mescolata con verdure e pesto vegano, e il tempeh può essere servito con un carb come i ravioli e la patata dolce andrebbe bene con un tortino di quinoa e cavolo fresco.
Uno dei piatti era una “zucchina a cottura lenta con pinoli tostati insieme a un’insalata di cous cous, melograno, uva passa e scorza d’arancia“, e tra gli altri anche anche “orzo con fagioli verdi al vapore e pomodori secchi, con  guacamole, un mix di grano germogliato e hummus con crudité di verdure. “

Le bevande

Una cosa che non causa tanti problemi quando si passa a una dieta vegana,è cosa bere. Hamilton beve prevalentemente acqua e, come ambasciatore pubblicitario di una nota marca di energy drink, ha a disposizione anche un sacco di bevande energetiche.
Naturalmente, la dieta di un pilota di Formula 1 non è completa senza lo Champagne della vittoria, qualcosa che i piloti sorseggiano con gioia quando vincono le gare. Per Hamilton, 5 volte campione di F1, significa aver bevuto molto champagne. Alla salute!
Mentre la transizione potrebbe essere stata una sfida per le sue papille gustative in un primo momento, ha constatato che essere passato alla dieta vegana è una delle “migliori decisioni” che avrebbe potuto fare, secondo solo al trasferimento al team Mercedes. “Sento il meglio che abbia mai provato fisicamente e mentalmente“, ha affermato recentemente. “Tutto l’anno mi sono sentito molto forte mentalmente, ma penso che fisicamente sto facendo anche un grande passo e questo è anche merito della decisione che ho preso per cambiare la mia dieta”.

Fonte : PlantBasedNews

Il dott. Gaetano Baiunco è un cardiologo vegano ennese che oltre a spendersi con entusiasmo nella sua professione sviluppa passioni e idee veg. Ha fondato infatti un’azienda che si occupa di trasformazione di mandorle. E non solo: appena arriveranno tutte le autorizzazioni potrà produrre anche formaggi vegetali.

Dott. Baiunco, dove nasce il suo percorso personale vegano?

“Dalla constatazione che esiste un preponderante rapporto fra la tipologia di cibo che assumiamo, la sua quantità, la qualità e la galoppante incidenza di malattie degenerative che affliggono la popolazione. Anche dal fatto che nonostante i prodigiosi progressi della medicina, l’incidenza della mortalità è notevole nel Sud Italia. La gente nonostante sia trattata con decine di pillole al giorno se non cambia abitudini alimentari e soggetta a recidivanti eventi cardiovascolari e tumorali”.

Quindi la sua è una scelta prevalentemente salutistica e di prevenzione sanitaria, che certamente ha un substrato etico.

“Tutto il cibo proveniente dagli animali contiene una miriade di sostanze (ormoni grassi proteine etc..) intrinseche ad esso e spesso legate alla tipologia di allevamento intensivo e crudele. La quotidiana ingestione di questi alimenti comporta uno stimolo continuo verso il nostro organismo non fisiologico. Favorisce uno stato di acidosi metabolica quindi valori più bassi del ph del sangue. L’acidosi è l’anticamera delle malattie degenerative. Ma non basta evitare alimenti del genere; bisogna abolire il più possibile i grassi saturi e gli zuccheri semplici che nel quotidiano vengono proposti in varie preparazioni”.

Lei è un cardiologo e, facendo i dovuti distinguo, quanto beneficio trae il corpo di un vegano da chi consuma grassi anche se non in eccesso?

“Si, mi occupo di cardiologia clinica, tutti i giorni da decenni constato con mano quanto sia deleterio sul nostro corpo l’assunzione di grassi animali, anche in modica quantità, le arterie e gli organi bersaglio della malattia aterosclerotica, in maniera silenziosa o meglio priva di sintomi, degenerano e si posizionano in uno stato di malattia che facilmente viene documentata con la diagnostica strumentale a nostra disposizione. Inoltre i grassi e le proteine animali determinano un surplus di lavoro per il pancreas ed essi hanno portato, insieme alla spropositata ingestione di zuccheri, alla esplosione epidemica del diabete mellito. Il diabete rappresenta una ingravescente piaga dell’umanità”.

Al di là della sua professione lei ha avviato un’attività che riguarda la lavorazione e la trasformazione di mandorle e olio bio. Ci parli dell’idea, com’è nata e che riscontri ha avuto.

“La coscienza maturata nell’ultimo decennio ha fatto crescere la necessità di divulgare tali presupposti e cercare di togliere dagli occhi delle persone il tetro velo di ignoranza che le condanna ad una facile incidenza di malattie. La grande distribuzione del cibo e le mutate condizioni di socializzazione portano verso una erronea credenza di normalità delle pessime abitudini alimentari.Divulgare quanto siano sbagliate tali abitudini e cercare di cambiarle è il primum movens della mia attività di medico. La nostra terra da millenni ci ha offerto un habitat ideale per coltivare e produrre una miriade di alimenti ad alto potere salutistico. LA biodiversità, in Sicilia, è fra le più vaste al mondo. Diffondere un messaggio positivo alla gente e fornire, nel mio piccolo, prodotti che rappresentano una sorgente di salute incontrovertibile, è la motivazione verso la quale ho riposto le mie energie nella costituzione dell’azienda Casamandolio”.

Casa Mandolio, passione dal cuore della Sicilia

Altra idea quella di dare vita a un’azienda che possa produrre formaggi vegetali. Dove e quale sarà il suo progetto a proposito.

“Non nascondo il fatto che in passato uno degli alimenti da me preferiti è stato il formaggio, quasi onnipresente nelle tavole. Viene usato per legare insaporire ed esagerare il quantitativo di calorie ed i grassi introdotti con l’alimentazione. Le mutate attitudini mi hanno spinto a sviluppare la tecnologia produttiva per realizzare un prodotto che sia salutare e gustoso e che facilmente possa sostituire i prodotti industriali che anche se blasonati sono un attentato metabolico. Il laboratorio aziendale nasce con questa mission. Nel centro della Sicilia ormai diventata la zona di massima produzione di mandorle, risulta indispensabile chiudere la filiera, ossia trasformare il prodotto grezzo. La mandorla è un alimento ricco di calcio oligoelementi ed antiossidanti”.

Lei lavora a questi progetti alimentari da anni e anni

“Nel 2014 ho depositato la procedura per realizzare un prodotto che contiene solo la mandorla e poco altro. Le mie recenti conoscenze e sperimentazioni sono rivolte anche ai prodotti fermentati ma che avranno sempre la mandorla come protagonista. Ritengo che i prodotti vegetali al momento proposti sono un mix di grassi saturi di bassa qualità. Secondo la mia opinione sono tutt’altro che salutari”.

Lei vive a Enna, quale è stata la risposta del territorio di fronte all’alimentazione e allo stilo di vita vegano?

“Basta una parola per rispondere a questa domanda: alieno: oppure: “Ma che dice… senza carne senza proteine animali”. Insomma, mi sembra di predicare e combattere contro i mulini a vento. Ma i risultati sulle analisi di laboratorio e sui miglioramenti delle condizioni di salute sono dalla mia parte.
Faccio parte di un team di aziende Biologiche di Barrafranca che gestisce tre laboratori di trasformazione alimentare di assoluta qualità, ciò in relazione: all’assenza di ogni contaminazione chimica; all’attenzione di preservare le qualità salutistiche dei prodotti. Inoltre nel nostro team abbiamo depositato oltre 10 ricette e metodologie di preparazione proprietarie”.

Quali sono le aziende?

“L’ Azienda Agricola Elonora Cigna, l’Azienda Tartufo Siciliano, l’Azienda Balsi, l’Azienda Seminiamo ed un frantoio Ferreri di nuova generazione che permette il trattamento delle olive lo stesso giorno della raccolta, a freddo e cosa più importante solo due fasi di lavorazione ossia senza il separatore finale ad alta velocità che rompe le micelle di olio. Quindi la qualità del prodotto sia oleario che relativo agli altri trasformati e assoluta”.

La Sicilia che potenzialità potrà sviluppare da qui a qualche anno a proposito di veganismo? Parliamo di cibo ma anche di eccellenze intellettuali.

“La nostra isola ha infinite possibilità di diventare leader nella produzione di cibo di origine vegetale di alta qualità. Il nostro clima è unico per tale missione, la nostra biodiversità primeggia nel mondo. Faccio un esempio: in California (leader del mercato mondiale della mandorla) si producono solo due tipologie di mandorla nate da modificazioni genetiche. Esse sono prive del guscio duro quindi facilmente attaccabili dai parassiti. Pertanto le colture sono trattate continuamente con insetticidi che penetrano il frutto. Le coltivazioni sono irrigue pertanto il contenuto di oli vegetali è inferiore al 30% (la nostra mandorla supera il 55%). Il frutto è carico di aflatossine che rappresentano uno dei veleni di contaminazione alimentare più pericoloso. Diffondere queste notizie a chi si alimenta giornalmente con prodotti che trova presso la GDO è il primo passo verso una coscienza alimentare preventiva”.

Anche chi si occupa di sanità deve aggiornarsi con i tempi.

“Quasi la totalità degli operatori sanitari non ha ricevuto nozioni relative alla preparazione del cibo, conosce la sua composizione ma ignora la tecnologia preparativa e la mole di additivi chimici e quant’altro viene impiegato per un prodotto di massa. Non conosce la cultura vegana e spesso la considera come una privazione. La politica e chi gestisce i flussi di finanziamenti verso l’agricoltura è innanzitutto vittima delle multinazionali. E non ha le competenze per orientare verso una corretta alimentazione madre di tutte le malattie metaboliche degenerative e che favorisce il diffondersi delle malattie tumorali”.

Per provare a mutare questo stato di cose bisognerà faticare.

“La strada è fortemente in salita, ma passo dopo passo si otterrà sicuramente un lento ma inesorabile risultato. Il tritatutto del malcostume alimentare, delle comode abitudini di approvvigionamento del cibo è difficile da contrastare.
Il concetto Vegano = Diverso è difficile da demolire. Fornire dati epidemiologici e valide alternative alimentari è la strada giusta”.

Giovanni Finocchiaro

Fonte

Uno studio dell’autorevole “Lancet” dice che per impedire il collasso del pianeta dovremmo cambiare radicalmente dieta e sistemi di produzione alimentari, riducendo drasticamente i consumi di carne.

Salvare il pianeta si può. Cambiando drasticamente le nostre abitudini alimentari e i sistemi di produzione. Il consumo globale di frutta, verdura, noci e legumi dovrà raddoppiare, mentre il consumo di prodotti alimentari come la carne rossa e lo zucchero dovrà essere ridotto di oltre il 50 per cento. Ad affermarlo è uno dei più corposi studi scientifici mai realizzati e pubblicato oggi dalla commissione Eat-Lancet su cibo, pianeta e salute. La commissione, che riunisce 37 esperti provenienti da 16 paesi con competenze in materia di salute, nutrizione e sostenibilità ambientale, ha pubblicato la “Planetary Health Diet”, ovvero una dieta che, se applicata, porterebbe a ridurre le emissioni di gas serra a livelli compatibili con l’accordo di Parigi e a migliorare la salute dei 10 miliardi di persone che popoleranno il pianeta nel 2050.

Il rapporto per la prima volta fornisce i target scientifici da perseguire per giungere ad un sistema di produzione alimentare sostenibile e ad una dieta sana all’interno dei confini del nostro pianeta. In questo senso lo studio fornisce quello che dovrebbe essere il regime alimentare giornaliero: il 35 per cento delle calorie (basato su un’assunzione di 2.500 kcal al giorno), dovrebbe provenire da cereali e tuberi, con 500 grammi di frutta e verdura al giorno; per quanto riguarda le fonti proteiche, queste dovrebbero essere principalmente vegetali, con la riscoperta dei legumi, ma con la possibilità di includere 100 grammi di carne rossa o di maiale la settimana (una porzione) e circa 200 grammi di pollame. Lo stesso dicasi per il pesce (200 grammi la settimana), mentre per i prodotti caseari il limite sarebbe di un bicchiere di latte al giorno.

“Questo rapporto non fa altro che confermare ciò che avevamo già indicato con l’Oms. Questa commissione ha rianalizzato i dati disponibili sul rapporto tra dieta e salute e conferma che una dieta a base di carboidrati, legumi, grassi insaturi è associata ad una minore mortalità, causata da malattie cardiovascolari e tumori”, afferma il dottor Francesco Branca, direttore del dipartimento della nutrizione per la salute e lo sviluppo dell’Oms. “Anzi si conferma che, se questa dieta venisse adottata a livello globale, si potrebbero salvare oltre 10 milioni di vite l’anno”. Una dieta equilibrata, molto simile a quella dei nostri nonni e genitori e praticata oggi in paesi come India, Indonesia o Centro America. “La novità di questo rapporto è indubbiamente il legame tra questo schema alimentare e l’impatto sull’ambiente. Le attuali tendenze di consumo non sono sostenibili. Bisogna cambiarle”, continua Branca. “Solo con un cambiamento dei nostri stili di vita potremmo affrontare il cambiamento climatico e le sfide ad esso legate”.

Le critiche, anche da parte del mondo scientifico, non mancano. Il professore di scienze e tecnologie alimentari Frédéric Leroy e il sociologo Martin Cohen in una lettera pubblicata sull’European food agency news, si chiedono se stia per partire una campagna globale contro la carne a favore di una dieta principalmente vegetariana. Nella lunga lettera si mostra come dietro a questa sorta di “movimento” si nascondano enormi interessi finanziari, che includono multinazionali del settore alimentare, enti di ricerca e famosi miliardari, concludendo che l’effetto della campagna Eat-Lancet “sembra non tanto promuovere il benessere degli animali quanto aprirsi ai nuovi e lucrosi mercati dell’industria agroalimentare” e “alimentare la fame dei governi per nuove tasse”. I due scienziati sono convinti che l’allevamento animale debba sì essere ottimizzato, ma che debba far parte della soluzione “per rendere i nostri ambienti e sistemi alimentari più sostenibili e le nostre popolazioni più sane”.

Dello stesso parere l’European dairy association che, con le parole del segretario generale Alexander Anton, conferma come latte e derivati offrano “una miscela unica di macro e micronutrienti, ricchi di calcio e vitamine essenziali. Le proteine del latte sono state riconosciute scientificamente e nella legislazione dell’Ue come la proteina più preziosa per il consumo umano”.

“La carne fornisce una nutrizione senza pari ed è una parte importante di una dieta equilibrata”, sottoliena Jean-Luc Meriaux segretario generale della Uecbv (l’industria europea della carne). Una dieta equilibrata che includa carne rossa assicura, senza bisogno di integratori, un apporto naturale adeguato di sostanze nutritive essenziali tra cui ferro, zinco e vitamine del gruppo B”.

A guardare bene lo studio non evoca un vegetarianesimo universale. Piuttosto “richiama all’importanza di un riequilibrio dei consumi animali. Lo scopo di questo rapporto è proprio di aprire un dibattito pubblico su questioni fondamentali”, conclude Branca. “E anzi riconosce l’importanza dei prodotti di origine animale, sopratutto in certe fasi della vita, sottolineando come ci siano ancora parti del mondo dove questi consumi siano ancora insufficienti”.

Fonte

Inaugurato al quartiere Isola il prima hub anti-spreco, che permetterà di recuperare circa 60 tonnellate di cibo all’anno.

Come ridurre lo spreco di cibo e recuperare gli alimenti da destinare a chi ne ha più bisogno? Un modo può essere quello di affidarsi a reti locali di quartiere, che facciano in modo che il cibo in eccedenza venga redistribuito in maniera adeguata.

Con questo scopo, vede finalmente la luce il primo hub di quartiere di Milano. Siamo al Municipio 9, quartiere Isola, e qui, in uno spazio pubblico non utilizzato di 72 metri quadri, verranno stoccati e poi distribuiti gli alimenti recuperati da enti del terzo settore, organizzazioni beneficiarie e organizzazioni no profit.

L’hub sarà il centro di raccolta delle eccedenze alimentari provenienti dalle aziende che hanno aderito al progetto: 4 mense aziendali e 15 supermercati (2 Coop Lombardia, 1 Il Gigante, 4 Carrefour, 5 Lidl e 3 Simply). In questo modo il cibo in eccedenza sarà intercettato prima che diventi rifiuto e sarà destinato a persone e famiglie in difficoltà: gli incaricati di 14 Onlus, infatti, potranno ritirarle e distribuirle a chi ne ha bisogno.

Il progetto è figlio del protocollo di intesa definito “ZeroSprechi” che nel 2016 il Comune di Milano, Assolombarda e Politecnico di Milano hanno siglato proprio con l’obiettivo di ridurre lo spreco di cibo e innovare le modalità di recupero degli alimenti da destinare agli indigenti, progettando e sperimentando un modello di recupero e ridistribuzione delle eccedenze alimentari basato su reti locali di quartiere.

Secondo le stime, grazie al nuovo hub si potranno recuperare circa 60 tonnellate all’anno di cibo, l’equivalente di 220mila pasti all’anno. Il valore commerciale delle donazioni si aggirerebbe sui 380mila euro, con un risparmio sullo smaltimento dell’umido di 5.400 euro, mentre ben 237 saranno le tonnellate di Co2 in meno per produzione e smaltimento e 96 milioni i litri di acqua risparmiata.

Quanto alle aziende che aderiscono all’iniziativa, per loro è prevista una riduzione del 20% della parte variabile della Tari e la detrazione dell’Iva. Infine, riceveranno il bollino ZeroSprechi, a testimoniare che si tratta di aziende virtuose nella lotta allo spreco alimentare.

Fonte