Mandy Saligari è una psicologa ed esperta di dipendenze ed ha voluto avvertire i genitori di evitare di dare ai propri figli smartphone e tablet, dato che le app dei social media possono essere altrettanto pericolosamente avvincenti come l’alcol e le droghe a bambini e adolescenti. Anche se uno smartphone possa sembrare un apparecchio innocuo per il tuo bambino, passare il tempo a messaggiare con amici su app come Snapchat, Facebook, Instagram e Tumblr, anche questo può diventare una dipendenza.

Secondo le più recenti statistiche del watchdog delle comunicazioni, Ofcom, più di quattro genitori su 10 di bambini di 12-15 anni, hanno difficoltà a controllare il tempo che il loro figli perdono di fronte ad uno smartphone e spaventosamente, gli esperti dicono che il sexting (la pratica di condividere immagini di se stessi seminudi e nudi su Internet) sta diventando una norma per i tredicenni.

Dico sempre alla gente, quando dai a tuo figlio un tablet o un telefono, stai davvero dando loro una bottiglia di vino o un grammo di cocaina“.

La specialista della clinica di riabilitazione di Harley Street,Mandy Saligari, lo ha detto alla conferenza di Developing Teenager tenutasi il 6 giugno alla Highgate Junior School di Londra.

Hai davvero intenzione di lasciarli da soli a fare qualsiasi cosa? Perché non prestiamo molta attenzione a cose come queste rispetto alle droghe e all’alcool dal momento che lavorano sugli stessi impulsi cerebrali?“.

L’esperta in genitorialità e relazione ha affermato che c’è un forte aumento nei giovani di 16-20 anni in cerca di cure per la dipendenza dalla tecnologia digitale, attualmente rappresentano due terzi dei suoi pazienti, mentre il rimanente terzo è composto da 13 ragazze di 14 anni che inviano regolarmente foto nude di se stesse a persone sconosciute sui loro dispositivi mobili e considerano questo comportamento completamente normale.

“Se ai bambini viene insegnato il rispetto di sé, è meno probabile che si sfruttino in questo modo”, ha affermato Mandy Saligari. “È una questione di rispetto di sé ed è un problema di identità”.

Parte del motivo di questa tendenza deriva dal fatto che i genitori stressati possono dare ai loro bambini tablet e smartphone per divertirsi, quando nelle generazioni precedenti, ai bambini sarebbero stati dati giocattoli o posti davanti alla televisione. Secondo Ofcom, questo ha portato i bambini di 3 e 4 anni nel Regno Unito a consumare in media 6,5 ​​ore di tempo su Internet in media a settimana.

Gli esperti educativi e psicologici della conferenza hanno affermato che i genitori devono intensificare e rendere i tempi di sonno una priorità per bambini e adolescenti, e sia i genitori che le scuole devono imporre periodi di tempo fissi nel giorno in cui i bambini non possono usare i dispositivi mobili.

“Convincere gli adolescenti ad abbandonare lo smartphone è molto complicato, per loro è come se fosse una terza mano, ma non penso sia impossibile, le scuole che chiedono ai giovani di passare del tempo lontano dal loro telefono sono fantastiche. Se riesci ad accorgerti in tempo del problemi puoi insegnare ai tuoi figli ad autodisciplinarsi“, – ha concluso la dottoressa.

Fonte