Naturale, economico, efficace. È il camminare. Parola di ricercatori, allenatori, filosofi e scrittori. Sì, anche loro. Veri fans di questa benefica attività fisica che brucia calorie, scarica lo stress, rende creativi, euforici e di buon umore.

Ecco cosa hanno detto: «Tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si cammina» Friedrich Nietzsche, filosofo.

E ancora «Una passeggiata di prima mattina è una benedizione per tutto il giorno» Henry David Thoreau, scrittore.

«La vita stessa è un viaggio da fare a piedi» Bruce Chatwin, scrittore. Camminare quindi è un bisogno del nostro corpo, è creatività. Camminare aggiunge vita agli anni

L’Acsm consiglia almeno 150 minuti di camminata la settimana.
In pratica 30 minuti al giorno. Una quantità di tempo più che realizzabile e che ben si concilia con gli impegni quotidiani. Secondo alcuni studiosi già 20 minuti al giorno, a intensità moderata (65-70% del VO2 max), in pratica a buon ritmo ma senza strafare, sembrano essere sufficienti nello stimolare il sistema immunitario, producendo una risposta cellulare antinfiammatoria.

A patto però che ci si dedichi ogni giorno.
E questo si verifica sin dalla prima seduta di allenamento, dove è possibile osservare una soppressione delle cellule pro infiammatorie, come l’interleuchina-6 e la proteina C reattiva). Il ritmo? Un gioco: s’inizia ad esempio con passo tranquillo per 5 minuti, si procede a ritmo più intenso per 10-30 minuti, si finisce con altri 5 in relax.

Fonte

1) Riduce il rischio di Cancro al seno
Camminare un’ora al giorno – magari facendo due passeggiate da 30 minuti – aiuta a prevenire il cancro al seno. Secondo una recente ricerca, le donne che camminano per un’ora al giorno hanno il 14% di probabilità in meno di ammalarsi. A parere degli esperti, la camminata quotidiana di un’ora, anche in assenza di un’attività fisica intensa e più specifica, è già molto significativa per la salute.

2) Riduce il rischio di Malattie cardiache
Camminare a passo veloce riduce il rischio di malattie cardiache. E, a parità di energia, la camminata veloce è più efficace della corsa. Lo rivela uno studio pubblicato dalla American Heart Association. La camminata e la corsa coinvolgono entrambe gli stessi gruppi muscolari e basta una semplice camminata, almeno di 30 minuti al giorno, per stare meglio.

3) Allunga la vita
Quando uscite a camminare, provate a portare con voi un contapassi o a calcolare la distanza percorsa. Fare 5000 passi al giorno, che corrispondono ad una camminata di circa 3 chilometri, aiuta a vivere più a lungo. L’Oms ha messo in evidenza i rischi per la salute di uno stile di vita sedentario e ha ricordato a tutti di concedersi ogni giorno una bella passeggiata di salute.

4) Perdere peso più velocemente
Il vero segreto per perdere peso è il movimento. Secondo gli esperti, per mantenersi in forma bastano 30 minuti di attività fisica al giorno. Allenamenti troppo lunghi possono risultare stressanti, mentre lo svolgimento di esercizi moderati incoraggia il calo di peso e la costanza nell’allenamento. Passeggiare a piedi, salire le scale e portare a spasso il cane sono ottimi punti di partenza per non perdere la linea.

5) Prevenire il Diabete
Il diabete si previene camminando. Secondo gli esperti bastano 2000 passi al giorno per contribuire ad allontanare il rischio di diabete di tipo 2. Certo, camminare a lungo non basta per prevenire la malattia, ma può essere d’aiuto. Una maggiore attività fisica, infatti, può ostacolare l’aumento di peso, un fattore determinante del rischio di diabete.

6) Stimola la Creatività
Quando camminiamo immersi nella natura, la nostra capacità creativa aumenta del 50%. Camminare nel verde è davvero benefico per il cervello, così come lo sono staccare la spina dalle attività quotidiane e fare movimento. L’ambiente naturale, secondo gli esperti, gioca un ruolo fondamentale nel nostro modo di pensare e di comportarci. Il cervello si riposa e si prepara a dare vita a nuovi processi di pensiero creativo.

7) Aumenta la produttività
Avreste mai pensato di poter camminare mentre siete al lavoro alla scrivania? Un esperimento condotto negli Stati Uniti ha evidenziato che gli impiegati che hanno la possibilità di camminare su un tapis roulant posizionato sotto la scrivania migliorano la propria salute e la produttività. Come fare senza un tapis roulant a disposizione? Approfittate della pausa pranzo per fare una bella passeggiata all’aria aperta.

8) Previene l’obesità infantile
Come prevenire l’obesità infantile? Uno studio condotto su oltre 1200 bambini tra i 10 e i 12 anni ha evidenziato che l’abitudine al movimento aiuta a prevenire l’obesità fin da piccoli. Nello specifico, gli esperti hanno notato che i bambini che hanno la possibilità di portare a spasso il cane camminano almeno 30 minuti e ne dedicano 140 in più all’attività fisica ogni settimana rispetto agli altri. Camminare è una garanzia per dire stop alla vita sedentaria e all’obesità fin dall’infanzia.

9) Aumenta le difese immunitarie
Tra i rimedi naturali per non ammalarsi troviamo la camminata veloce. Per mantenersi in buona salute non è sempre necessario correre. Una bella passeggiata di almeno 30 minuti al giorno contribuisce a migliorare l’attività del sistema immunitario e ad allontanare il rischio di ammalarsi. In questo modo potrete fare esercizio fisico con costanza e senza affaticarvi troppo.

10) Risveglia la Tiroide
Come risvegliare la tiroide quando è troppo pigra? L’esercizio fisico costante è fondamentale per rendere più regolare l’attività della tiroide. Il consiglio principale consiste nel camminare almeno 30 minuti ogni giorno, calcolando circa 3 ore di attività fisica alla settimana. Il movimento aiuta a risvegliare il metabolismo ed è un vero e proprio toccasana quando al malfunzionamento della tiroide si associa un aumento di peso.

Fonte